Egitto: la risoluzione delle controversie in pillole

L’impresa italiana che decida di operare in Egitto dovrà essere informata anche riguardo alla struttura che regola la risoluzione delle controversie, in tale paese.

Il diritto egiziano, soprattutto per la branca civilistica e commerciale, segue essenzialmente il modello dell’Europa continentale. Per tale ragione, le controversie insorte possono attraversare l’iter giudiziario in tribunale oppure essere risolte mediante sistemi di risoluzioni alternativi (ADR), quali arbitrato e mediazione. In base a ciò, le tempistiche ed i costi di risoluzione delle controversie saranno differenti.

Il processo giudiziario è di solito lento e complesso. I tribunali sono in grado di emanare una sentenza in un arco temporale che va dai tre ai cinque anni successivi alla data di instaurazione del giudizio; anche con riferimento all’esecuzione delle sentenze (definitive), il procedimento risulta ancora troppo lento e burocratico. Per tali ragioni gli ADR occupano già da tempo una posizione significativa nel Paese. L’Egitto, che ha ratificato la Convenzione di New York per il riconoscimento e l’esecuzione delle sentenze arbitrali straniere già l’anno successivo rispetto alla sua approvazione (1958), ha riformato l’istituto nel 1994 (legge 18.04.1994 n. 27) secondo il modello pubblicato dall’UNCITRAL (“Model Law on International Commercial Arbitration” del 1985) – alla quale si è ispirata anche la legge di riforma italiana – con alcune eccezioni (es: non vengono riconosciuti agli arbitri il potere di adottare misure cautelari e/o interinali, salvo espresso consenso delle parti).

La sempre maggiore apertura del Paese al commercio internazionale (dal 1972 in poi) ha comportato un notevole ricorso all’arbitrato tanto da portare l’Asian African Legal Consultative Committee a fondare nella capitale del Paese il Cairo Regional Center for International Commercial Arbitration (CRCICA), attualmente il più importante centro di arbitrato nazionale. Quanto alla mediazione, questa ha ricevuto un importante sostegno a livello istituzionale, al fine di favorire la risoluzione di piccole controversie attraverso soluzioni più snelle e meno costose rispetto all’arbitrato. Uno degli centri di mediazione più importanti è il Mediation and ADR Centre, presente con più sedi in Egitto.

 

Contributo inserito nella Newsletter n.2/2017.
Le informazioni contenute nel presente contributo, così come tutto il contenuto del nostro sito web, hanno carattere generale e scopo meramente informativo, naturalmente senza pretesa di esaustività, e non costituiscono attività di consulenza legale mirata.
Nessuna parte di questo contributo può essere riprodotta, distribuita o trasmessa in qualsiasi forma e con qualsiasi mezzo senza la previa autorizzazione scritta dell’autore.
Copyright © Studio Legale Bressan 2017