Voucher per la Digitalizzazione delle Piccole Imprese

[et_pb_section bb_built=”1″ admin_label=”section”][et_pb_row admin_label=”row” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” background_size=”initial”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” background_size=”initial” _builder_version=”3.19.1″]

Con scadenza fissata al 9 febbraio 2018, le micro, piccole e medie imprese italiane avranno l’opportunità di usufruire di un contributo per l’acquisto di hardware, software e servizi specialistici per digitalizzare i processi aziendali e ammodernare le dotazioni tecnologiche. A tal fine, è opportuno presentare domanda on-line sul sito del Ministero dello Sviluppo economico.

Il bando, così come deciso con decreto direttoriale del MISE del 24 ottobre 2017, stabilisce un intervento di 100 milioni di euro per consentire alle PMI di ristrutturare l’infrastruttura informatica e funge da incentivo per la loro crescita. Questa somma di denaro è ripartita tra le varie regioni e al Veneto sono stati assegnati 8,5 milioni di euro.

Gli obiettivi auspicati dal MISE spaziano dal miglioramento dell’efficienza aziendale alla maggiore flessibilità nell’organizzazione del lavoro, dallo sviluppo di soluzioni di e-commerce ad una formazione qualificata in ambito ICT del personale delle piccole e medie realtà lavorative, possibile grazie alla connettività a banda larga e ultra larga e al collegamento alla rete Internet tramite la tecnologia satellitare.

I beneficiari di queste agevolazioni, oltre a dover costituire delle PMI, non devono essere imprese agricole, della pesca e dell’acquacoltura (salvo però che il progetto di digitalizzazione si riferisca ad un ramo dell’azienda diverso) e non devono essere destinatarie di altri contributi statali relativi ai medesimi servizi. Devono inoltre avere sede legale e/o unità locale attiva in Italia ed essere iscritti al Registro delle imprese, senza presentare alcuna procedura concorsuale e/o fallimentare.

La somma, erogata sotto forma di voucher, può arrivare sino a 10.000 Euro per ogni azienda e copre fino al 50% delle spese che sono ritenute ammissibili. Se vi fossero, però, richieste superiori ai fondi stanziati, la percentuale di agevolazione concessa sarà ridotta, al fine di soddisfare tutte le domande.

Sottolineiamo più nel dettaglio che la richiesta per avvalersi di questa sovvenzione potrà essere presentata dalle ore 10.00 del 30 gennaio fino alle ore 17.00 del 9 febbraio 2018, ma sarà possibile compilare la domanda sin dal 15 gennaio.

Ad ogni buon conto, nei processi di digitalizzazione non devono essere sottovalutate le problematiche sottese a questi processi evolutivi, avendo cura di adempiere agli obblighi in materia di sicurezza ICT (Information and Communications Technology) e Privacy.

Sarà dunque imprescindibile predisporre un piano aziendale in modo da poter affrontare la digitalizzazione riducendo o neutralizzando ogni rischio.

 

Contributo inserito nella Newsletter n.4/2017.
Le informazioni contenute nel presente contributo hanno carattere generale e scopo meramente informativo, naturalmente senza pretesa di esaustività, e non costituiscono attività di consulenza legale mirata.
Copyright © Studio Legale Bressan 2017

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]