Suez 150. Passato e futuro del Canale che ha cambiato il volto del commercio globale.

L’Ambasciata della Repubblica Araba d’Egitto a Roma in collaborazione con l’Associazione Polikós ha organizzato il convegno “Suez 150“. Passato e futuro del Canale che ha cambiato il volto del commercio globale” analizzando l’importanza del Canale di Suez nei suoi molteplici aspetti: dal ruolo strategico per il commercio globale alle sfide logistiche euro-mediterranee per connettere MENA e Vecchio Continente ai mercati dell’Estremo Oriente, passando per la centralità del Canale nella proiezione internazionale dell’Egitto e per lo storico rapporto tra Roma ed Il Cairo.

Nel convegno si è discusso dell’impatto globale avuto dal Canale di Suez, fin dalla sua inaugurazione nel 1869, sul ripristino della centralizzazione del Mediterraneo sulla mappa dei flussi commerciali internazionali. Il Canale ha rappresentato una motivazione per i Paesi del Mediterraneo a riformulare i loro piani strategici marittimi e adottare processi di sviluppo completi, al fine di tenere il passo con i cambiamenti prodotti dal Canale di Suez nel sistema di trasporto marittimo: ciò include la trasformazione dei sistemi di navigazione e la fattibilità economica di molti corridoi di sviluppo come ad esempio la nuova Via della Seta.

Fra i relatori l’ambasciatore d’Egitto in Italia, Hisham Badr,  il vice direttore generale degli Affari politici del MAECI, Diego Brasioli, il presidente della Joint Italian Arab Chamber of Commerce, Cesare Trevisani, il responsabile rapporti internazionali di Assarmatori, Jeannie Gregori e il direttore programma energia, clima e risorse dell’Istituto Affari Internazionali, Nicolò Sartori. A moderare l’incontro, Davide Garavoglia dell’associazione Polikòs. Fra i selezionati partecipanti all’evento anche l’avv. Lucia Bressan.

Clicca qui per visualizzare la locandina.